approvato nella prima Assemblea annuale nel novembre 1992
modificato dall’Assemblea ordinaria del 6 dicembre 1997


Soci e modalità di iscrizione
La domanda di iscrizione di un nuovo Socio va presentata da due Soci ordinari ed è soggetta all’approvazione del CD.
Il nuovo Socio dichiara di ben conoscere lo Statuto ed il Regolamento e si impegna a rispettarli.
I Soci ordinari devono soddisfare i requisiti previsti dallo Statuto. Solo i Soci ordinari hanno diritto di voto per le modifiche allo Statuto e al Regolamento.
I Soci juniores devono soddisfare gli stessi requisiti degli ordinari, ma ne differiscono perché non hanno ancora raggiunto una posizione professionale stabile e permanente. I Soci juniores devono confermare la loro posizione all’inizio di ogni nuovo anno sociale. I Soci juniores partecipano pienamente alle attività dell’Associazione ed hanno diritto di voto eccetto nel caso di modifiche a Statuto e Regolamento.
I Soci simpatizzanti non soddisfano necessariamente tutti i requisiti degli ordinari, partecipano alle attività dell’Associazione senza diritto di voto e non possono ricoprire alcuna carica sociale.
I Soci aventi diritto al voto attivo e passivo sono i Soci ordinari e juniores in regola con le quote sociali alla data della convocazione dell’Assemblea generale dei Soci.
I Soci possono invitare alle attività della associazione loro conoscenti interessati.

Quote sociali
Ogni nuovo Socio deve versare una quota di iscrizione. Ogni Socio è tenuto al pagamento di una quota annuale, che è dovuta entro il primo trimestre dell’anno sociale.
L’Assemblea decide l’importo delle quote. I Soci ordinari versano quote normali, gli juniores ed i simpatizzanti versano quote ridotte.
Il Socio iscritto nel corso della seconda metà dell’anno sociale versa una intera quota annuale che copre però anche l’anno solare successivo.

Perdita della qualità di Socio
Il mancato pagamento della quota annuale entro il primo trimestre dell’anno sociale comporta la perdita della qualità di Socio. Tale perdita diviene effettiva qualora un mese dopo l’invio di un sollecito scritto da parte del CD non si sia ancora provveduto a regolarizzare la posizione.
Il CD può dichiarare inoltre decaduto il Socio il cui comportamento contraddica lo Statuto e le finalità dell’Associazione.
Il Socio decaduto può richiedere che l’Assemblea dei Soci riesamini la decisione del CD.

L’Assemblea
L’Assemblea è convocata dal CD su propria iniziativa o su decisione del Presidente o dietro richiesta scritta di almeno un decimo dei Soci aventi diritto al voto. La convocazione va effettuata entro venti giorni dalla decisione o dalla domanda, con la collaborazione attiva di chi ne ha fatto richiesta.
L’Assemblea è valida se convocata con preavviso scritto di almeno quindici giorni a tutti i Soci, nel quale si indichino chiaramente luogo, giorno, ora e odg.
Quest’ultimo deve contenere tutti i punti richiesti da qualsiasi membro del CD, quelli contenuti nella eventuale domanda scritta di un decimo dei Soci e le domande dei Soci decaduti ai sensi del precedente articolo 3.
In qualsiasi momento precedente alla convocazione dell’Assemblea i singoli Soci possono chiedere al CD l’iscrizione di altri punti all’odg dell’Assemblea successiva, ma in questo caso la decisione spetta al CD.
L’Assemblea è valida se sono presenti almeno la metà dei Soci aventi diritto di voto. Non sono ammesse deleghe.
Trenta minuti dopo l’ora di convocazione l’Assemblea è valida quale che sia il numero di Soci presenti. All’Assemblea possono assistere anche non Soci invitati dal CD.
L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione oppure, su richiesta di almeno un quarto dei Soci presenti, da un Presidente eletto a maggioranza semplice dall’Assemblea stessa.
L’Assemblea può prendere decisioni solo sui punti presenti nell’odg contenuto nella convocazione scritta.
Il Segretario redige il verbale, che viene firmato dal Presidente e dal Segretario. Un sunto del verbale con le decisioni più importanti viene spedito a tutti i Soci a cura del Segretario entro due mesi dal giorno dell’Assemblea. Il Segretario custodisce i verbali ed i sunti spediti ai Soci.

Votazioni
L’Assemblea vota per alzata di mano, a meno che un quarto dei Soci presenti aventi diritto di voto richiedano lo scrutinio segreto.
Ogni candidatura al CD deve essere presentata da almeno cinque Soci aventi diritto di voto. La presenza dei Soci juniores nel CD è limitata ad un membro, che non può essere il Presidente.
Il Presidente deve avere almeno un anno di anzianità continuativa nell’Associazione.
Il Presidente può essere scelto anche tra i membri del CD uscente purché siano rispettate le condizioni dell’ultimo comma (5) dell’articolo 4 dello Statuto.
In questo caso, unica eccezione ammessa in deroga all’articolo 4.5 dello Statuto, egli potrà comunque servire come Presidente uscente nel CD successivo a quello del suo mandato presidenziale.

Il Consiglio Direttivo
Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno ogni due mesi ed è convocato con almeno una settimana di preavviso, su decisione del Presidente o su richiesta di due membri.
Il CD è convocato dal Presidente, che deve comunicare ad ogni membro luogo, giorno, ora e odg della riunione.
Il CD è presieduto dal Presidente ed è valido se sono presenti almeno tre membri.
Alle riunioni del CD devono essere invitati anche i responsabili delle attività che saranno oggetto della riunione.
Il CD decide a maggioranza semplice dei presenti. In caso di parità decide il voto del Presidente.
Il Segretario redige il verbale. Un sunto del verbale con le decisioni più importanti viene spedito a tutti i Soci a cura del Segretario entro un mese dalla riunione. Il Segretario custodisce i verbali ed i sunti spediti ai Soci, insieme con tutta la documentazione relativa alle attività dell’Associazione.
Il Tesoriere può disporre dei fondi dell’Associazione nell’interesse di quest’ultima entro un limite fissato dal CD. Le spese superiori a questo limite vanno autorizzate esplicitamente dal CD. Il Tesoriere tiene i libri contabili dell’Associazione e la documentazione relativa a tutte le spese.
In caso di dimissioni di un membro del CD nell’arco del suo mandato questi viene sostituito dal candidato non eletto che abbia ottenuto il maggior numero di voti.
Se le dimissioni sono invece date da due o più membri del CD nell’arco del loro mandato, si deve convocare una Assemblea straordinaria dei Soci entro il termine di un mese dalle dimissioni del secondo membro. L’Assemblea provvede alla elezione di un nuovo CD. Il CD così eletto rimane in carica sino alla successiva Assemblea ordinaria dei Soci. Se la elezione del nuovo CD avviene nel secondo semestre dell’anno, tale mandato non può venir conteggiato ai sensi dell’ultimo comma (5) dell’articolo 4 dello Statuto.

Modifiche al Regolamento
Il Regolamento può essere modificato dall’Assemblea dei Soci col voto favorevole dei due terzi dei Soci ordinari presenti.